Papà pe mme

Papà pe mme

Se sa, nuntutte ‘e cciambelle escheno cor buco
purtroppo ‘a famija mia sé divisa
Io co mamma e papà du ggiorni a sertimana
famija divisa, ma nn pe mme
mamma e papà uniti sempre pe mme.
Quinni papà se vedeva poco
quei ggiorni però me vizziava pe l’artri 5 che Nun me vedeva
a prima vera vacanza ‘nsieme in Sardegna, primo superiore
tante piccole, ma grandi lezioni de Vita, nella liuteria de famija.
Ce sarebbe tanto da scrive, ma l’occhi s’appannano, tra malinconia e gioia.
Er vero valore de papà, te lo scrissi quando anch’io so diventato papà
Te dissi, come hai fatto tutto questo tempo a perderti la voce de tu fijo, che grida “papà papà sei tornato”?!
Te lo urlo ora e tutte le volte che vorremo.
Mi dicesti, che era ‘na ferita aperta, l’ho capito e ora t’aiuto a rimaeginalla.
Ti voglio bene

Mauro Carugno 19/03/2020