‘a reggina assassina

‘a reggina assassina

Viè dall’oriente ‘a reggina
forse nata ‘da ‘nsorcio alato
‘na reggina ‘nvisibile
che toje pian piano Er respiro.
Pija de mira li più debboli
i nostri saggi nonni,
ma ‘ggni tanto pija quarche giovane,
occhio che è ‘na reggina ‘nfame.
‘a reggina assassina
viaggia, viaggia co le persone
nun se fa scrupoli, viaggia
grazie a’nnoi che continuamo a vive
co i nostri abbracci e saluti
‘a reggina ce sfrutta e ccosi si propaga.
Ma, ‘a reggina si nn ha popolo
smetterà de governacce e de portasse via la nostra storia
‘si stamo a casa, ‘a reggina nun troverà nessuno
e smetterà di regná e de uccide
Sò convinto che dopo che ‘a reggina se ne andrà
torneremo a ‘abbracciasse
Nun se famo trová così ‘a reggina uccide stoc…

Mauro Carugno 22/03/2020

Papà pe mme

Papà pe mme

Se sa, nuntutte ‘e cciambelle escheno cor buco
purtroppo ‘a famija mia sé divisa
Io co mamma e papà du ggiorni a sertimana
famija divisa, ma nn pe mme
mamma e papà uniti sempre pe mme.
Quinni papà se vedeva poco
quei ggiorni però me vizziava pe l’artri 5 che Nun me vedeva
a prima vera vacanza ‘nsieme in Sardegna, primo superiore
tante piccole, ma grandi lezioni de Vita, nella liuteria de famija.
Ce sarebbe tanto da scrive, ma l’occhi s’appannano, tra malinconia e gioia.
Er vero valore de papà, te lo scrissi quando anch’io so diventato papà
Te dissi, come hai fatto tutto questo tempo a perderti la voce de tu fijo, che grida “papà papà sei tornato”?!
Te lo urlo ora e tutte le volte che vorremo.
Mi dicesti, che era ‘na ferita aperta, l’ho capito e ora t’aiuto a rimaeginalla.
Ti voglio bene

Mauro Carugno 19/03/2020

eroi ar tempo ‘nostro

Eroi ar tempo ‘nostro

Ar tempo der coronavirus, ‘daa pandemia
ce lo sai chi so i veri eroi de oggi?
Superman, Thor, Iron Man
No fijo mio, nn so loro, e nn so manco i politici, i carciatori
gli eroi ar tempo ‘nostro
ortre a mamma e papà tui
so quelle persone che ogni ggiorno se fanno un mazzo tanto pe facce sta bene,
essai chissò?
Medici, infermieri, tutto er personale, le guardie, li camionisti, gli addetti vendita ali supermercati, ali netturbini, ali corieri … quarcuno me lo sarò scordato adesso, ma nn me lo scorderò domani
Questi, so li veri eroi, ricordamoselo sempre
senza de loro, staremmo nella merda!

Mauro 18/03/2020

fratè accasa

Fratè accasa

I tempi so diventati cupi
anche se lassù Er sole splende ed é callo
fratè, se sei veramente fratello mio
stattene a casa
dar sol’levante sta arivá ‘na bufera nascosta e pericolosa
Fratello mio, io, pe te e pell’artri me ne sto accasa
fai lo stesso anche tu, amico mio.
Presto, torneremo ad abbracciasse con un bella bira in mano
ci sarà tempo pe fallo, ma ora, no
Fratè, fallo per te, fallo per me, fallo per tutti
Fratè accasa!

Mauro Carugno 10/03/2020

‘na nuvola

‘na nuvola

Ho visto ‘na nuvola ner mezzo ar trafico de Roma
Me so messo a guardalla
me sembrava quarcosa de famijare,
ho detto pure grazie ar trafico che semo fermi, che l’ho guardata mejo
assomijavano addù facce
se guardaveno
sembravano la mia e quella de mi fijo
o la mia, con quella de mi padre,
che sguardi …
poi semo ripartiti, e, il vento ha spazzato via l’immagine.
Nn j’ho fatto a foto
ce l’ho impressa nell’occhi mia,
come c’ho impressi l’occhi de mi fijo e de mi padre quanno s’abbracciamo.

Mauro 06/03/2020

‘na Splendida Dozzina

So passati ‘na dozzina d’anni
da quer 27 dicembre 2007
era ‘na giornata assolata e stranamente calla
se stava bene senza majone,
beccammo pure quer matto che se fece er bagno ar mare
davanti ar bastione der castello de santa Severa.
‘Na giornata da ricordà
armeno, pe’ me e pe’ te
stava a nasce ‘n’amore bello come quer sole callo d’inverno
quello che scalla i còri di dù innamorati.
Sò passati ‘na dozzina d’anni
sò passati bassi e arti umori da quer dì
dù gran bei sogni se sò avverati.
Vojo ancora quella senzazione
vojo ancora quella porverina maggica
vojo ancora te, Amore Mio

Mauro 27/12/2019

’o zzio a Roma

‘o zzio a Roma
è quello che t’aiuta in varie situazioni
pò esse più piccolo o più grande de te
nun fa nniente, è quer grande amico che cc’hai
tra amichi ‘nfatti, semo tutti zii de quarcuno
’o zzio è anche quer parente acquisito
forse ‘o zzio che tutti vorremmo avere
quello che è sempre presente ma nun se comporta come ‘o zzio “su ‘a carta”.
Ne ho uno de zzio così, 100mila vorte mejo de quello vero.
Bella zì, bella zì pé tutti

Mauro 30/08/2019

‘a rota gira

Si sa ‘a rota gira
si pecchè nun te pò dì sempre male
‘a rota gira e stavorta gira bene
Dopo tanti sacrifici
dopo tanti carci in facia
dopo tanti “le faremo sapere”
‘na botta de …
Ehm, ‘a rota gira, ce pò sta’
è la vorta della svorta
e stavorta, cari sijori, tocca a me
e me la giocherò bene.
‘a rota gira e famòla girá bene!

Mauro 14/06/2019

er capello bbianco

Fino ai quaranta, ssì, nun ce sò arivato cò ‘na forta chioma,
però, bello ‘de casa, manco uno bbianco.
Ppoi, mejo tardi che mai, sei arivato tu
e, plen, plan, pam, uno, due, cinque eee
ma pure sur pizzetto escheno sti peli bianchi?!?!
Fermateve, c’ho un’immagine da difenne.
Corpa tua, urtimo arivato a casa nostra.
Preoccupazioni, pappe, cacche …
mappoi sai che c’è, ogni istante de ‘ste preoccupazioni
se trasformano in un’immensa ggioia,
‘no sguardo, ‘na coccola, ‘na parola come “papà”, ‘nrespiro durante la notte
mbhè, pè tutto questo, famme diventá pure arbino.

Mauro 30/05/19

soridi e ridi

Soridi che ‘a vita è breve pè esse ’ncazzato
ridi, pecchè sinnò l’artri se’napprofitteno
si te vedono triste come l’avvortoi te piombano addosso
soridi, pecché è la mijor medicina che tu possa avé.
Forse nun te risorve er problema
ma campi mejo e forse
forse riesci ad’affrontá mejo li problemi,
se l’affronti cor soriso, magara li spiazzi
e magara la soluzione viè da se.
Soridi e ridi di te stesso
sarai inattaccabbile.
Ridi, pecché alla fine, si piagni, checcambia?
Ridi e soridi, pòi prevenì ‘e rughe.
Eccon’quest’urtima te vedo ride,
se è così, er compito mio l’ho fatto,
sí nun è ccosì, rileggila, pecché nun hai imparato ‘a lezzione!

Mauro 29/05/2019