‘a rota gira

Si sa ‘a rota gira
si pecchè nun te pò dì sempre male
‘a rota gira e stavorta gira bene
Dopo tanti sacrifici
dopo tanti carci in facia
dopo tanti “le faremo sapere”
‘na botta de …
Ehm, ‘a rota gira, ce pò sta’
è la vorta della svorta
e stavorta, cari sijori, tocca a me
e me la giocherò bene.
‘a rota gira e famòla girá bene!

Mauro 14/06