‘a musica

‘a musica, ecchè je vòi dì
è quella cosa che t’accompagna nella vita,
pé nun esse der tutto soli in arcuni momenti della giornata.
Mentre, magari stai anná a scòla,
come ero io pischello, che ‘a matina nun vò sentisse spiccicá ‘na parola,
pecché c’hai ancora er cuscino tatuato in facia.
Allora prennevi er uorcman, la cassettina registrata da quarche cd o daa’radio,
te ‘ncarcavi le cuffiette ne ‘recchie e partiva la musica.
Aaaah, e te estraneavi dar monno, dar chiasso, dalle preoccupazioni, dalla prof che te doveva ‘nterrogá.
Io, co ‘a musica
mi immedesimavo ner mio idolo
ero campione de “air ghitar”,
i sostegni dell’autobus erano er manico daa’ chitara,
il mio fingherpicching era da “sultani”,
Nun dovevo chiude l’occhi pè sogná de sta su un parco
sinnò zompavo la fermata,
però che bello ahò.
Ma, ‘a musica m’accompagna anche adesso che so grosso
er volante ha sostituito i sostegni
mò ce sòno pure ‘a pianola e ‘a batteria
quarche vorta anche er sax,
che compagna che è ‘a musica
te fa vive mejo le cose,
te fa vive mejo lí ricordi,
te fa vive l’emozioni,
‘a musica è ‘a musica
è quella cosa che normamente potrebbe unì tutti
….
magari potesse entrá in politica,
mh, vabbè, ma questa, è ‘nantra canzone.

23/05/2019
Mauro