soridi e ridi

Soridi che ‘a vita è breve pè esse ’ncazzato
ridi, pecchè sinnò l’artri se’napprofitteno
si te vedono triste come l’avvortoi te piombano addosso
soridi, pecché è la mijor medicina che tu possa avé.
Forse nun te risorve er problema
ma campi mejo e forse
forse riesci ad’affrontá mejo li problemi,
se l’affronti cor soriso, magara li spiazzi
e magara la soluzione viè da se.
Soridi e ridi di te stesso
sarai inattaccabbile.
Ridi, pecché alla fine, si piagni, checcambia?
Ridi e soridi, pòi prevenì ‘e rughe.
Eccon’quest’urtima te vedo ride,
se è così, er compito mio l’ho fatto,
sí nun è ccosì, rileggila, pecché nun hai imparato ‘a lezzione!

Mauro 29/05/2019